- Alla 24 Ore di Le Mans, le Iron Dames portano il potere del rosa - Aruaru kenko

Alla 24 Ore di Le Mans, le Iron Dames portano il potere del rosa

Rimani informato su tutte le più grandi storie della Formula Uno. Iscriviti qui per ricevere la newsletter Prime Tire nella tua casella di posta ogni martedì e venerdì.


Cosa vuoi fare da grande?

Uno chef astronauta. Un pilota di jet. Un ballerino. Un pilota da corsa.

L’immaginazione dei bambini si scatena e questi sogni a volte possono sembrare un futuro lontano, un concetto intangibile difficile da comprendere. Ma forse vedere i loro sogni rappresentati su una delle livree più accattivanti di tutti gli sport motoristici internazionali quest’anno aiuterà queste aspirazioni a diventare più realtà. Perché come dice il progetto Le Mans 2024 delle Iron Dames, «Ogni sogno conta».

In vista della 24 Ore di Le Mans, la prima formazione tutta femminile nelle gare di endurance ha chiesto ai fan sui social media “cosa sognavi di diventare quando eri bambino”. Successivamente hanno visitato una scuola elementare a Le Mans, in Francia, chiedendo loro di disegnare come immaginavano il loro futuro, e hanno spiegato la storia di come le Iron Dames siano “Donne guidate dai sogni”. Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, i disegni sono stati convertiti in una livrea che simboleggia ciò che rappresentano le Iron Dames.


La fondatrice di Iron Dames Deborah Mayer (in nero) con Rahel Frey, Sarah Bovy e Michelle Gatting. (Per gentile concessione di Iron Dames)

“Vogliamo dire ai ragazzi che non importa cosa sognate di diventare, tutto nella vita è possibile”, ha detto Michelle Gatting, una delle tre donne che piloteranno la Lamborghini Huracan GT3 Evo2. «Finché hai un sogno, una visione nella tua testa di qualcosa che vuoi realizzare, è già una grande cosa.»

Chi sono le «Dame di Ferro»?

Sei anni fa, l’ex pilota automobilistica Deborah Mayer ha fondato le Iron Dames per dimostrare che le donne possono essere coinvolte negli sport motoristici a qualsiasi titolo. Come ha detto Gatting, “per dimostrare che le donne possono competere allo stesso livello degli uomini negli sport motoristici”.

Si tratta di dare potere alle donne e ridurre le barriere all’ingresso che le donne devono affrontare nel mondo degli sport motoristici dominato dagli uomini, promuovendo l’inclusione e investendo nello sviluppo di giovani talenti. Ma si tratta anche di essere competitivi e vincenti, di un progetto che duri negli anni a venire piuttosto che di un momento di fuoco.

Gatting è stata una delle prime Iron Dames, unendosi nel 2019 prima ancora che avesse un nome.

“Il progetto praticamente non era ancora nato”, ha detto. «Era già nella mente di Deborah, che aveva una visione durante il progetto.» Gatting ha ricevuto un’e-mail riguardo al test dell’auto, che all’epoca era una Ferrari. È il tipo di offerta a cui non dici di no.

Il viaggio di Gatting negli sport motoristici è iniziato come una coincidenza. La danese era in vacanza con la sua famiglia nel sud della Francia quando salì su un go kart all’età di sette anni. È passata dal non sapere molto degli sport motoristici al farne la sua vita. «Quando ero molto giovane, sognavo solo di diventare un pilota di Formula 1, e probabilmente ero un po’ più ingenuo», ha detto Gatting. Col tempo, ha capito che non si trattava solo di F1. “Ho cambiato la mia visione e per me era che volevo diventare un pilota di resistenza.

«Volevo correre la 24 Ore di Le Mans.»


La Lamborghini Huracan delle Iron Dames ha ottenuto un design speciale per la 24 Ore di Le Mans del 2024. (Per gentile concessione di Iron Dames)

Le gare di endurance sono abbastanza diverse dalle tipiche categorie di corse, come la F1 o la IndyCar. Invece di guidare su una distanza prestabilita, le gare di resistenza prevedono di guidare il più lontano possibile entro un limite di tempo prestabilito. Considerando quanto siano faticose le gare di resistenza, il Campionato Mondiale Endurance (WEC) consente ai team di dividere la gara in stint, facendo ruotare i piloti attraverso l’abitacolo.

La 24 Ore di Le Mans è la gara più importante del WEC. Parte della tripla corona degli sport motoristici, è una pista di 8,5 miglia (13,6 km) dove 62 auto e 184 piloti di più classi guidano per 24 ore.

Le Iron Dames hanno dato a Gatting questa possibilità nel 2019 e ora si sta preparando per la sua sesta 24 Ore di Le Mans. “Il progetto ha cambiato la mia vita, la mia carriera, ho sempre desiderato diventare professionista e guadagnarmi da vivere. Ma sono pochissimi i piloti al mondo che hanno questa opportunità”. Ma arrivare ai vertici delle gare di endurance non è stata un’impresa facile. Gatting ha sacrificato la sua adolescenza – e non se ne pente – ma ha anche dovuto affrontare problemi finanziari. Ad un certo punto, ha dovuto rinunciare per una stagione perché «non aveva soldi» e «fondamentalmente, anno dopo anno, chiedeva soldi a persone e sponsor per andare a correre».

Gli altri due membri della formazione di piloti di Le Mans del 2024 sono Sarah Bovy e Rahel Frey, che hanno sostituito un’infortunata Doriane Pin.

Frey è un altro membro OG delle Iron Dames, insieme a Manuela Gostner. I fratelli Giacomo e Andrea Piccini, l’ultimo dei quali è il team principal dell’Iron Lynx (il fornitore di servizi per le Iron Dames), si sono rivolti a Frey visto il suo livello di esperienza. Ha iniziato ad andare sui kart nel 1998 per passare alle monoposto diversi anni dopo e ha vinto una gara di Formula Tre tedesca nel 2007.

«Mi hanno chiesto di far parte del progetto perché stavano cercando una pilota donna che abbia già una buona esperienza nelle gare di endurance, che possa sostanzialmente unirsi e guidare, guidare, un equipaggio di donne», ha detto Frey.

È stato attraverso Gatting e Frey che Bovy, il terzo membro della formazione di piloti della 24 Ore di Le Mans delle Iron Dames di quest’anno, è venuto a conoscenza del progetto. L’autista belga ha sentito parlare delle due donne e ha visto la realizzazione del progetto tramite i social media.

«All’epoca, ho pensato: ‘Oh, un altro grande progetto di cui non farò mai parte'», ha detto Bovy. «Direi che la mia prima impressione è stata davvero: ‘Oh, vorrei poterlo fare, ma è troppo tardi.'»

Tuttavia, Bovy, che ha iniziato a correre attraverso i kart in una fiera, li ha seguiti su Facebook e Instagram. Ha continuato con la sua carriera, correndo nella 24 Ore di Spa e nella prima stagione della W Series per sole donne nel 2019. Ma nel 2021, ha visto che la squadra potrebbe essere a corto di piloti e ha inviato loro un’e-mail per vedere se potrebbe compilare. Spoiler: la risposta è stata sì.

“È importante sottolineare che nulla è mai stato facile. Penso che, nonostante tutte le Iron Dames, abbiamo lavorato duro, mi spiace dirlo, per raggiungere questo livello», ha detto Gatting. “E sono estremamente felice che ciò che stiamo facendo con questo progetto ora, lo stiamo rendendo, diciamo, non più semplice, ma stiamo dando alle ragazze l’opportunità di unirsi a un progetto del genere (in) tenera età. Se avessi avuto questa opportunità quando avevo otto anni, non voglio pensare a dove mi avrebbe portato.

“Ma stiamo cambiando il mondo degli sport motoristici con questo progetto”.

«Donne guidate dai sogni»

Non puoi perderti le Iron Dames quando sono in pista.

No, non è perché sono donne. E’ a causa del colore dell’auto. Bovy ha detto che originariamente la base era nera o blu scuro con alcuni dettagli rosa. «Quando abbiamo iniziato a ottenere risultati migliori, quando ci siamo sentiti pronti a esporci un po’ di più al settore, il nostro team media è tornato da noi e ci ha detto: ‘Ascoltate, ragazze, l’anno prossimo invertiremo i colori . L’auto sarà rosa con dettagli neri.’”

Ma non era solo la macchina rosa brillante. Erano le tute e le scarpe da gara, la squadra abbracciava pienamente quello che è stato a lungo considerato un colore femminile.

“Il punto è dire che il rosa non è un colore stupido. Il rosa non è il tuo colore debole”, ha detto Bovy. “Il rosa è il colore con cui siamo cresciuti. Siamo ragazzine degli anni ’90 e negli anni ’90 praticamente tutto per le ragazze era rosa. Allora perché dovremmo odiarlo o dire che è un colore debole? Semplicemente non siamo d’accordo con questo. Diciamo che se ti piace il rosa, il rosa può essere un colore molto potente.


In vista della 24 Ore di Le Mans, le Iron Dames hanno visitato una scuola elementare a Le Mans, in Francia, chiedendo agli studenti di disegnare come immaginavano il loro futuro. (Per gentile concessione di Iron Dames)

Se qualcuno le chiedesse di correre con il rosa sulla tuta prima di unirsi alle Iron Dames, Gatting rifiuterebbe rapidamente. «Non voglio mostrare alla gente che sono una donna alla guida», dice. Ma ora? «Lo indosso con orgoglio», ha detto, mostrando in seguito lo smalto rosa acceso sulle unghie.

Ma il rosa porta un elemento di pressione. È un rosa vibrante, che non può semplicemente fondersi con il pacchetto. Bovy ha detto: «Ci siamo guardati tutti l’un l’altro e abbiamo pensato, ‘Wow, okay, dobbiamo vincere le gare con questa macchina perché altrimenti sembreremo ridicoli.'»

Nel 2022, le Iron Dames sono arrivate terze con 93 punti nel WEC, gareggiando nella classe più alta delle corse GT, la LMGTE Am. La stagione successiva fecero un altro passo avanti e finirono secondi con 118 punti. In entrambe le stagioni, le Iron Dames hanno gareggiato anche alla 24 Ore di Le Mans con la stessa formazione di quest’anno, finendo settima nel 2022 e quarta nel 2023.

Col passare del tempo e continuando a salire la scala, le donne sono diventate più a loro agio con il colore dell’auto, Bovy lo ha equiparato a «rappresentare le vostre bandiere o il vostro paese». È motivo di orgoglio. Del resto hanno vinto in rosa e in altri colori, come ha sottolineato Bovy. Più recentemente, sono state vincitrici di gare nel WEC, facendo la storia della serie come l’equipaggio tutto femminile che ha vinto la finale della stagione LMGTE Am in Bahrain lo scorso anno.

«Non riteniamo più che il colore ci definisca più», ha detto Bovy. “Volevamo solo dare più visibilità al progetto.”

E sta diventando sempre più visibile. Si formano file per le sessioni di autografi in pista e le donne stanno notando come la loro merce stia diventando sempre più diffusa nel paddock, soprattutto tra i fan di sesso maschile.

«In realtà ci sostengono e sostengono il fatto che il progetto è davvero qualcosa da prendere sul serio», ha detto Gatting. “Ma anche le persone ci rispettano per tutto ciò che abbiamo fatto e per tutto ciò che facciamo. Ogni volta che corriamo, vogliamo dimostrare che non siamo qui solo per andare in giro e far parte della competizione.

“Siamo qui per una cosa, ovvero vincere”.

Parlare dell’impatto fa venire la pelle d’oca a Gatting e la emoziona per ciò che hanno ottenuto negli ultimi anni e per come sono cresciuti. “Siamo i migliori piloti professionisti. E stiamo gareggiando con i migliori piloti uomini del mondo. E le persone non ci guardano più in questo modo strano”.

E tutto è iniziato con la determinazione di inseguire un sogno della loro infanzia. Dopotutto, ecco chi sono le Iron Dames: «donne guidate dai sogni». Le Iron Dames sono più grandi di queste tre donne. Mentre il progetto è fortemente investito negli sport motoristici con altri piloti come Doriane Pin e Marta García, le Iron Dames sono coinvolte anche nell’equitazione. L’intero progetto, compresi quelli con ruoli secondari come il marketing, conta ora 45 persone.

Questo fine settimana, Gatting, Frey e Bovy parteciperanno tutti a uno dei momenti più importanti dell’anno nel mondo degli sport motoristici, dando vita ai sogni dei bambini in pista con la livrea e allo stesso tempo realizzando le proprie aspirazioni.

«Ciò che è iniziato con l’idea di promuovere lo sport motoristico femminile e cercare di coinvolgere più di noi è fondamentalmente ora qualcosa di molto più grande di quello», ha detto Bovy. «(Sta) dando alle donne di tutto il mondo il potere di alzarsi e lottare per il tipo di sogno che vogliono raggiungere.»

(Immagine principale: foto per gentile concessione di Iron Dames; Design: Dan Goldfarb/L’Atletico)