- Come l'Arkansas ha catturato John Calipari e perché era pronto a lasciare il Kentucky - Aruaru kenko

Come l’Arkansas ha catturato John Calipari e perché era pronto a lasciare il Kentucky

John Calipari era seduto nella sua camera d’albergo a Phoenix venerdì quando un caro amico, John H. Tyson, lo ha contattato per discutere di una decisione importante. Le persone a conoscenza della conversazione affermano che Tyson, il presidente miliardario di Tyson Foods e uno dei principali donatori di lunga data presso l’Università dell’Arkansas, voleva raccogliere il cervello dell’allenatore di basket del Kentucky sulla direzione della ricerca di allenatori dell’Arkansas dopo che Eric Musselman era partito per il lavoro alla USC. . Tyson disse all’allenatore della Hall of Fame che anche il direttore atletico dell’Arkansas Hunter Yurachek era a Phoenix, e presto i due uomini si incontrarono nella stanza di Calipari.

Alla vigilia della Final Four, Yurachek e Calipari hanno parlato per quasi un’ora dei potenziali candidati per sostituire Musselman. L’Arkansas voleva fare un’assunzione eccezionale ed era pronto a spendere molto in stipendio, NIL e altro supporto per il suo programma di basket. Mentre i due uomini lasciavano la stanza, Yurachek giunse ad una conclusione: forse il candidato perfetto era proprio di fronte a lui.

«Perché non tu? Perché non dovresti essere interessato?» Yurachek ha chiesto a Calipari, secondo fonti dell’Arkansas.

«Beh, non ci ho dedicato molto tempo, ma possiamo parlarne un po'», ha detto Calipari.

Calipari lasciò la riunione e le conversazioni continuarono con Tyson.

«L’ultima volta, non siamo riusciti a farlo», ha detto Tyson a Calipari, riferendosi a quando i Razorbacks inseguirono Calipari quando era a Memphis circa 17 anni fa. “Vuoi questa cosa? Facciamolo.»

Ben presto, l’avvocato di Calipari, Tom Mars (che ha frequentato la facoltà di giurisprudenza in Arkansas), ha contattato Calipari per il lavoro. Era attiva la stampa a tutto campo. Sabato mattina era stato inviato a Calipari un foglio formale in cui dichiarava l’interesse. Mentre le trattative erano in corso, Calipari era alle prese con la fine della sua corsa di 15 anni al Kentucky che includeva un campionato NCAA e altri tre posti nelle Final Four. Calipari è uno dei pochi allenatori a condurre un programma che ha portato a quattro Final Four in un arco di cinque anni (2011-2015).

«Ha un difetto: è una persona estremamente leale», ha detto martedì l’allenatore del Tennessee Rick Barnes in un’intervista telefonica. “Il Kentucky non è un lavoro a intermittenza. Cosa significa l’allenatore del Kentucky e cosa significa il basket del Kentucky lì… John ha riempito quelle scarpe in un modo che ti prometto: un giorno, il Kentucky si guarderà indietro e dirà che abbiamo bisogno di uno stendardo di John Calipari lassù.

Con la conclusione del fine settimana, Calipari e Arkansas si sono avvicinati a un accordo sui termini per il suo arrivo, che rappresenterebbe un colossale cambiamento nel basket universitario. Calipari ha vissuto l’era del tuttofare con una porta girevole di stelle dell’NBA a Lexington, ma ora un altro programma aveva suscitato il suo interesse nel posto giusto e al momento giusto. Fonti vicine a Calipari dicono che si rammarica ancora di aver rifiutato l’incarico all’UCLA nel 2019. Quello era il momento di scappare, ammette ora in privato. Ma il Kentucky ha concesso un contratto di 10 anni da 86 milioni di dollari per mantenerlo a Lexington, e i Bruins non sono riusciti a eguagliarlo.

Ora? L’Arkansas preparò un pacchetto straordinario e Calipari era pronto.

Fonti del settore informate sui termini comunicati L’Atletico che Calipari ha firmato un contratto quinquennale da 38,5 milioni di dollari con l’Arkansas, con trigger basati sulle apparizioni nei tornei NCAA che potrebbero spingere l’accordo fino a sette anni e quasi 60 milioni di dollari. L’accordo include un bonus alla firma di 1 milione di dollari e altri bonus annuali, hanno affermato le fonti. La nuova partnership includerà un fondo NIL del valore di «almeno» 5-7 milioni di dollari, ha detto una fonte del settore, con i funzionari dell’Arkansas che non esprimono limiti alla profondità dei loro portafogli per le esigenze NIL di Calipari.

VAI PIÙ PROFONDO

Tucker: John Calipari aveva il Kentucky vicino ai palloni da basket. Poi venne l’Arkansas

Fonti di entrambe le parti hanno affermato che ci sono stati contatti molto limitati tra Calipari e i funzionari del Kentucky e nessuna trattativa tra le due parti. Una volta che l’Arkansas lo ha ingaggiato, non si è potuto guardare indietro. Si ritiene che i funzionari del Kentucky stiano lavorando sulla struttura pratica e sui piani NIL, sollevando domande su dove siano andate quelle intenzioni con Calipari al timone.

All’improvviso, l’Arkansas è di nuovo sulla mappa in grande stile, combinando un Calipari affamato, con tutto il potere delle stelle e le classi di reclutamento di alto livello che porterà, e un programma desideroso di tornare alle Final Four per la prima volta da allora. 1995.

«L’ho fatto alcune volte nella mia carriera e la cosa più grande che sto cercando di creare è la storia d’amore tra questo programma e il campus», ha detto Calipari L’Atletico. “Con questo programma, l’Arkansas nordoccidentale, l’intero stato, stai cercando di creare una storia d’amore. Ciò significa il tipo di ragazzi che stiamo reclutando, ragazzi fantastici che vogliono essere coinvolti nella comunità. Ciò significa che, come allenatore, non imbrogliare la posizione, restare dentro e guardare solo il nastro. Essere coinvolti in enti di beneficenza, essere coinvolti nell’aiuto in tutto il campus, nello stato.

“L’altra cosa da cambiare è capire il nostro roster, e devi andare adesso e avere NIL pronto, cosa che farà la scuola. Non devo più uscire e farlo. Dovevo farlo al Kentucky. Ecco, stiamo mettendo insieme una squadra adesso. Dato che ogni anno devo allenare una nuova squadra, la cosa non mi preoccupa, ma devono essere bravi ragazzi. Se pensano solo a se stessi, non li recluteremo, non saranno qui.

“Ciò che mi fa andare avanti è inseguire i campionati e mettere la mia squadra nella posizione migliore alla fine dell’anno per correre. Andiamo a farlo e facciamolo insieme.


La domanda che tutti si sono posti nelle ultime 72 ore: perché? Perché Calipari ha lasciato il Kentucky dopo 15 stagioni? Perchè partire per l’Arkansas? I termini del suo contratto forniscono alcune risposte, ma vanno molto più in profondità.

Diverse fonti che hanno assistito alla situazione affermano che il rapporto tra Calipari e il direttore atletico Mitch Barnhart si era costantemente deteriorato – e che una recente apparizione insieme sulla televisione locale, in cui dicevano che andavano d’accordo e che erano impegnati ad andare avanti insieme era, essenzialmente, un cane e spettacolo di pony. Quel rapporto si è interrotto irreparabilmente nell’agosto 2022, mentre Calipari era con il suo team in un tour espositivo alle Bahamas. Aveva fatto pressioni su Barnhart sulla necessità di una nuova struttura per gli allenamenti e aveva persino raccolto milioni di dollari in promesse dai suoi ex giocatori della NBA per aiutarlo a finanziarla. Ma Barnhart non si mosse, insistendo sul fatto che il Joe Craft Center, allora quindicenne, aveva solo bisogno di essere rinnovato, non sostituito.

Così un pomeriggio durante quel viaggio, Calipari chiamò un gruppo di giornalisti nella sua suite d’albergo e si scatenò. Dopo aver speso molto in altri sport al Kentucky, ha detto, è stata la volta del basket. E poi sono arrivate le parole che sono esplose come un candelotto di dinamite all’interno del dipartimento di atletica: “Questa è una scuola di basket”.

L’allenatore di football Mark Stoops era sconvolto, pubblicamente e in privato, e Barnhart si schierò dalla parte del suo allenatore – almeno per come lo vedeva e lo vede ancora Calipari. Mentre Calipari era ancora alle Bahamas, con l’ordine di non rilasciare ulteriori dichiarazioni pubbliche sull’argomento, nemmeno scuse accuratamente elaborate, Stoops e Barnhart hanno tenuto una conferenza stampa congiunta a Lexington e il capo di Calipari non si è trattenuto.

«Ci assicureremo di non averne diritto», ha detto Barnhart a un certo punto. Il basket avrà sempre sostegno, ha detto, aggiungendo: «Se questo non bastasse, sai, gli allenatori cambiano molto nel mondo di oggi».

Fu allora che Calipari capì che il matrimonio – un’analogia che Barnhart usa spesso – era destinato a fallire.

C’è stato un disaccordo fondamentale su cosa costituisse un sostegno sufficiente per il programma. Tra scontrarsi con le strutture e sentirsi ammanettato nello spazio NIL, dove l’allenatore si sentiva come se fosse da solo per raccogliere fondi, Calipari iniziò a chiedersi se il Kentucky fosse davvero «a prova di futuro».

«So per certo che l’allenatore Cal non si sentiva supportato, non credo che avesse il sostegno della scuola», ha detto l’ex star dei Wildcats DeMarcus Cousins L’Atletico. “Ci sono molte cose che accadono dietro le quinte, adattandosi ai tempi moderni del basket universitario adesso. Lo è di più ai vertici, semplicemente non sento che il supporto fosse lì. Questa situazione avrebbe potuto essere gestita in modo molto più garbato, soprattutto per tutto quello che ha fatto per loro. Considerando i ragazzi che sono passati da lì, direi che questi sono stati gli anni d’oro del basket del Kentucky nell’era moderna”.

«Cal era l’allenatore perfetto per qualsiasi lavoro, soprattutto per il Kentucky», ha detto l’allenatore del Michigan State Tom Izzo L’Atletico. “Devi avere la pelle più spessa di una balena. Per me è triste quello che è successo; in tutte le organizzazioni si inizia dall’alto verso il basso. Cal viene dato per scontato. Parliamo di un anno brutto. Un brutto anno per lui è l’anno della vita della maggior parte delle persone.

“Non mi interessa se è al Michigan State, al Kentucky o alla Duke. È semplicemente più difficile fare il tuo lavoro quando non sei allineato. C’è stata una disconnessione. Ci sono sempre due facce in ogni divorzio. Questa nuova opportunità ringiovanirà Cal.

Cousins ​​e John Wall avevano inaugurato l’era Calipari nel 2009, seguita da molte attuali superstar della NBA, come Devin Booker, Karl-Anthony Towns, Julius Randle, Bam Adebayo e Shai Gilgeous-Alexander. Come crede Calipari, dal suo primo Big Blue Madness 15 anni fa ad oggi, molto è cambiato. Ad esempio, fonti coinvolte nel programma affermano che Calipari e alcuni dei suoi ex-alunni più famosi erano seccati in privato per un forte calo delle risorse rese disponibili per Big Blue Madness, fino a una fase di contrazione letterale.

L’ovvio respingimento dal punto di vista del Kentucky: ora c’erano rendimenti decrescenti da parte dell’allenatore, che non raggiungeva una Final Four dal 2015 e non partecipava al secondo fine settimana del torneo NCAA dal 2019. Calipari e Barnhart si sono trovati in una sorta di raffreddore guerra, con lo staff tecnico convinto di aver bisogno di più supporto per vincere alla grande e Barnhart che si aspettava di vedere un ritorno maggiore sul suo investimento originale (e massiccio) prima di investire ulteriormente nel programma sotto la sorveglianza di Calipari.

Verso la fine, un numero crescente di fan arrivò a pensare come Barnhart. Molti credevano che avrebbe dovuto spendere molto non per una struttura di allenamento ma per pagare il buyout di Calipari da 33 milioni di dollari dopo l’uscita dal torneo NCAA al primo turno il mese scorso. Barnhart si rifiutò di buttare via tutti quei soldi, quindi il loro conflitto era destinato a continuare almeno per un altro anno. A Lexington si sarebbe svolta una stagione incredibilmente imbarazzante.

Ma poi un vecchio amico lo ha chiamato e gli ha fatto un’offerta che non poteva rifiutare: venire in Arkansas e sentirsi di nuovo amato, sentirsi di nuovo supportato, sentire che tutto è di nuovo possibile.

VAI PIÙ PROFONDO

Non c’è limite alla vittoria per il prossimo allenatore del Kentucky. Allora chi è un candidato?

«Le negoziazioni sono durate 15 minuti in cui guardavo la cosa e dicevo, deve essere così, va bene così», ha detto Calipari. “Era semplicemente: lo vogliamo? Così è andata. È successo in un totale di tre giorni.

E così martedì c’era Calipari, che registrava un sentito video di addio da casa sua, dove qualcuno aveva piantato dei cartelli nel cortile con la scritta GRAZIE CAL. Giorni prima, qualcun altro aveva piantato un cartello con i volti di Calipari e Barnhart e il messaggio: Bisogna andare!

«Nelle ultime settimane ci siamo resi conto», ha detto Calipari nel suo video, «che questo programma probabilmente ha bisogno di sentire un’altra voce».

Oltre a ciò, Calipari si rese conto di aver bisogno di un altro programma desideroso di ascoltare il suo.

«John porta esattamente quello che ha portato ovunque: un vincitore, un contendente», ha detto Barnes. “Li mette in lotta e costruirà. Lo fa con la stessa rapidità di chiunque abbia mai allenato il gioco.

(Illustrazione fotografica: John Bradford / L’Atletico; Foto: Jared C. Tilton / Getty)