- Gli studenti prendono di mira gli insegnanti in un attacco di gruppo su TikTok, scuotendo la loro scuola - Aruaru kenko

Gli studenti prendono di mira gli insegnanti in un attacco di gruppo su TikTok, scuotendo la loro scuola

A febbraio, Patrice Motz, un veterano insegnante di spagnolo alla Great Valley Middle School di Malvern, in Pennsylvania, è stato avvisato da un altro insegnante che i guai si stavano avvicinando.

Alcuni studenti dell’ottavo anno della sua scuola pubblica avevano creato falsi account TikTok impersonando insegnanti. La signora Motz, che non aveva mai usato TikTok, ha creato un account.

Ha trovato un profilo falso per @patrice.motz, che aveva pubblicato una vera foto di lei in spiaggia con suo marito e i loro bambini piccoli. «Ti piace toccare i bambini?» chiedeva un testo in spagnolo sopra la foto della vacanza di famiglia. «Risposta: Sí.»

Nei giorni successivi, circa 20 educatori, circa un quarto del corpo docente della scuola, hanno scoperto di essere vittime di falsi account di insegnanti pieni di allusioni alla pedofilia, meme razzisti, omofobia e incontri sessuali inventati tra insegnanti. Centinaia di studenti hanno subito visualizzato, seguito o commentato gli account fraudolenti.

In seguito, il distretto scolastico ha sospeso brevemente diversi studenti, hanno detto gli insegnanti. Il preside durante una pausa pranzo ha rimproverato la classe di ottavo anno per il suo comportamento.

Le ricadute più grandi sono state per insegnanti come la Sig.ra Motz, che ha detto di essersi sentita «colpita allo stomaco» dal fatto che gli studenti potessero così casualmente attaccare le famiglie degli insegnanti. Le molestie online hanno lasciato alcuni insegnanti preoccupati che le piattaforme dei social media stiano contribuendo a bloccare la crescita dell’empatia negli studenti. Alcuni insegnanti ora sono titubanti nel denunciare gli alunni che si comportano male in classe. Altri hanno detto che è stato difficile continuare a insegnare.

«È stato così demoralizzante», ha detto la Sig. ra Motz, che ha insegnato nella scuola, in un ricco sobborgo di Philadelphia, per 14 anni. «Non riesco a credere di alzarmi ancora e fare questo ogni giorno».

L’incidente di Great Valley è il primo attacco di gruppo TikTok noto del suo genere da parte di studenti delle scuole medie ai loro insegnanti negli Stati Uniti. È un’escalation significativa nel modo in cui gli studenti delle scuole medie e superiori impersonano, trollano e molestano gli educatori sui social media. Prima di quest’anno, gli studenti impersonavano in gran parte un insegnante o un preside alla volta.

L’attacco degli studenti delle scuole medie riflette anche preoccupazioni più ampie nelle scuole su come l’uso e l’abuso da parte degli studenti di popolari strumenti online stiano invadendo la classe. Alcuni stati e distretti hanno recentemente limitato o vietato l’uso dei cellulari degli studenti nelle scuole, in parte per limitare le molestie tra pari e il cyberbullismo su Instagram, Snap, TikTok e altre app.

Ora i social media hanno contribuito a normalizzare post e meme aggressivi anonimi, spingendo alcuni bambini a usarli come arma contro gli adulti.

«Non abbiamo mai dovuto affrontare un targeting degli insegnanti su questa scala prima», ha affermato Becky Pringle, presidente della National Education Association, il più grande sindacato degli insegnanti degli Stati Uniti. «Non è solo demoralizzante. Potrebbe spingere gli educatori a chiedersi: ‘Perché dovrei continuare in questa professione se gli studenti fanno questo?'»

In una dichiarazione, il Great Valley School District ha affermato di aver preso provvedimenti per affrontare «22 account TikTok fittizi» che impersonavano insegnanti della scuola media. Ha descritto l’incidente come «un grave uso improprio dei social media che ha avuto un impatto profondo sul nostro personale».

Il mese scorso, due studentesse della scuola hanno pubblicato pubblicamente un video di «scuse» su un account TikTok usando il nome di un’insegnante di prima media come nickname. La coppia, che non ha rivelato i propri nomi, ha descritto i video impostori come uno scherzo e ha affermato che gli insegnanti avevano ingigantito la situazione.

«Non abbiamo mai pensato che si arrivasse a questo punto, ovviamente», ha detto uno degli studenti nel video. «Non ho mai voluto essere sospeso».

«Vai avanti. Impara a scherzare», ha detto l’altra studentessa a proposito di un insegnante. «Ho 13 anni», ha aggiunto, usando un’imprecazione per enfatizzare, «e tu ne hai tipo 40 e stai per 50».

Un account TikTok che mostrava il nome di un insegnante della Great Valley Middle School ha pubblicato a fine giugno un video sulle sospensioni degli studenti.Credito…tramite TikTok

In un’e-mail al New York Times, uno degli studenti ha affermato che gli account falsi degli insegnanti erano palesemente scherzi, ma che alcuni studenti avevano esagerato con le imitazioni.

Una portavoce di TikTok ha affermato che le linee guida della piattaforma proibiscono comportamenti fuorvianti, inclusi account che si spacciano per persone reali senza rivelare di essere parodie o account di fan. TikTok ha affermato che un team di sicurezza con sede negli Stati Uniti ha convalidato le informazioni di identità, come le patenti di guida, nei casi di impersonificazione e poi ha eliminato i dati.

La Great Valley Middle School, nota localmente per essere una comunità unita, accoglie circa 1.100 studenti in un moderno complesso in mattoni circondato da un mare di campi sportivi verde brillante.

Gli impostori di TikTok hanno sconvolto l’equilibrio della scuola, secondo le interviste con sette insegnanti della Great Valley, quattro dei quali hanno chiesto l’anonimato per motivi di privacy. Alcuni insegnanti usavano già Instagram o Facebook, ma non TikTok.

La mattina dopo che la professoressa di spagnolo, la signora Motz, ha scoperto il suo imitatore, i TikTok denigratori erano già un segreto di Pulcinella tra gli studenti.

«C’era questa conversazione sotterranea in tutto il corridoio», ha detto Shawn Whitelock, un insegnante di studi sociali di lunga data. «Ho notato un gruppo di studenti che tenevano un cellulare in mano davanti a un insegnante e dicevano ‘TikTok'».

Gli studenti hanno preso immagini dal sito web della scuola, hanno copiato le foto di famiglia che gli insegnanti avevano pubblicato nelle loro classi e ne hanno trovate altre online. Hanno creato meme ritagliando, tagliando e incollando le foto, quindi sovrapponendo il testo.

Le immagini low-tech “cheapfake” differiscono dai recenti incidenti nelle scuole in cui gli studenti hanno utilizzato app di intelligenza artificiale per generare immagini dall’aspetto reale, alterate digitalmente, note come “deepfake”.

Mentre alcuni dei post degli insegnanti impostori della Great Valley sembravano scherzosi e innocui, come «Memorizza i tuoi stati, studenti!», altri post erano sessualizzati. Un account di un insegnante falso ha pubblicato una foto collage con le teste di due insegnanti maschi incollate su un uomo e una donna parzialmente nudi a letto.

Anche gli account di falsi insegnanti hanno iniziato a seguirli e a importunare altri falsi insegnanti.

«È diventato una vera e propria distrazione», ha detto Bettina Scibilia, un’insegnante di inglese di terza media che lavora nella scuola da 19 anni, a proposito di TikTok.

Gli studenti hanno preso di mira anche il signor Whitelock, che per anni è stato consulente del consiglio studentesco dell’istituto.

Un account falso @shawn.whitelock ha pubblicato una foto del signor Whitelock in piedi in una chiesa durante il suo matrimonio, con la moglie per lo più ritagliata. La didascalia nominava un membro del consiglio studentesco della scuola, sottintendendo che l’insegnante lo avesse sposato al suo posto. «Ti toccherò», ha commentato in seguito l’impostore.

«Ho trascorso 27 anni a costruirmi una reputazione di insegnante dedito alla professione dell’insegnamento», ha detto il signor Whitelock in un’intervista. «Un imitatore ha assassinato il mio personaggio, calunniando me e la mia famiglia nel farlo».

La signora Scibilia ha detto che uno studente aveva già pubblicato una minaccia di morte grafica contro di lei su TikTok all’inizio dell’anno scolastico, cosa che lei ha segnalato alla polizia. Le imitazioni di insegnanti hanno aumentato la sua preoccupazione.

«Molti dei miei studenti passano ore e ore e ore su TikTok, e penso che li abbia semplicemente desensibilizzati al fatto che siamo persone vere», ha detto. «Non hanno percepito quanto fosse una violazione creare questi account e impersonarci e prendere in giro i nostri figli e prendere in giro ciò che amiamo».

Pochi giorni dopo aver appreso dei video, Edward Souders, preside della Great Valley Middle School, ha inviato un’e-mail ai genitori degli studenti dell’ottavo anno, descrivendo i resoconti impostori come raffiguranti «i nostri insegnanti in modo irrispettoso».

All’inizio di marzo, il preside della Great Valley Middle School, Edward Souders, ha inviato un’e-mail ai genitori degli studenti di terza media in merito agli account falsi su TikTok.

La scuola ha anche organizzato un’assemblea per gli studenti dell’ottavo anno sull’uso responsabile della tecnologia.

Ma il distretto scolastico ha affermato di avere opzioni limitate per rispondere. I tribunali in genere proteggono i diritti degli studenti alla libertà di parola fuori dal campus, inclusa la parodia o la denigrazione degli educatori online, a meno che i post degli studenti non minaccino altri o interrompano la scuola.

«Sebbene vorremmo poter fare di più per responsabilizzare gli studenti, siamo legalmente limitati nelle azioni che possiamo intraprendere quando gli studenti comunicano fuori dal campus durante le ore non scolastiche tramite dispositivi personali», ha affermato in una nota Daniel Goffredo, sovrintendente del distretto.

Il distretto ha dichiarato di non poter commentare alcun provvedimento disciplinare, per proteggere la privacy degli studenti.

A metà marzo, Nikki Salvatico, presidente della Great Valley Education Association, un sindacato degli insegnanti, ha avvertito il consiglio scolastico che i TikTok stavano interrompendo «l’ambiente educativo sicuro» della scuola.

«Abbiamo bisogno del messaggio che questo tipo di comportamento è inaccettabile», ha detto la Sig.ra Salvatico durante una riunione del consiglio scolastico il 18 marzo.

Il giorno dopo, il dott. Souders ha inviato un’altra e-mail ai genitori. Alcuni post contenevano «contenuti offensivi», ha scritto, aggiungendo: «Sono ottimista sul fatto che affrontando la questione insieme, possiamo impedire che accada di nuovo».

A metà marzo, il preside, il dott. Souders, ha inviato una seconda e-mail ai genitori, questa volta sottolineando che alcuni dei TikTok contenevano «contenuti offensivi».

Mentre alcuni account sono scomparsi, compresi quelli che usavano i nomi della Sig. ra Motz, del Sig. Whitelock e della Sig. ra Scibilia, altri sono spuntati. A maggio, un secondo account TikTok che impersonava la Sig. ra Scibilia ha pubblicato diversi nuovi video che la prendevano in giro.

Lei e altri educatori della Great Valley hanno dichiarato di aver segnalato gli account impostori a TikTok, ma di non aver ricevuto risposta. Ma diversi insegnanti, che ritenevano che i video avessero violato la loro privacy, hanno affermato di non aver fornito a TikTok un ID personale per verificare la loro identità.

Mercoledì, TikTok ha rimosso l’account che impersonava la signora Scibilia e altri tre account falsi di insegnanti della Great Valley segnalati da un giornalista.

La signora Scibilia e altri insegnanti stanno ancora elaborando l’incidente. Alcuni insegnanti hanno smesso di posare e pubblicare fotografie, per paura che gli studenti ne facciano un uso improprio. Gli esperti hanno affermato che questo tipo di abuso potrebbe danneggiare la salute mentale e la reputazione degli insegnanti.

«Sarebbe traumatizzante per chiunque», ha affermato Susan D. McMahon, professoressa di psicologia alla DePaul University di Chicago e presidente della Task Force on Violence Against Educators dell’American Psychological Association. Ha aggiunto che l’aggressione verbale degli studenti contro gli insegnanti stava aumentando.

Ora insegnanti come la signora Scibilia e la signora Motz stanno spingendo le scuole a educare gli studenti su come usare la tecnologia in modo responsabile e a rafforzare le politiche per proteggere meglio gli insegnanti.

Gli studenti della Great Valley hanno avvisato i loro compagni su TikTok che gli insegnanti erano venuti a conoscenza degli account impostori.Credito…tramite TikTok

Nelle «scuse» degli studenti della Great Valley su TikTok il mese scorso, le due ragazze hanno detto che avevano intenzione di pubblicare nuovi video. Questa volta, hanno detto, avrebbero reso i post privati ​​in modo che gli insegnanti non potessero trovarli.

«Siamo tornati e pubblicheremo di nuovo», ha detto uno. «E renderemo privati ​​tutti i video all’inizio del prossimo anno scolastico», ha aggiunto, «perché allora non potranno fare nulla».

Venerdì, dopo che un reporter del Times ha chiesto al distretto scolastico di informare i genitori di questo articolo, gli studenti hanno cancellato il video di «scuse» e hanno rimosso l’handle dell’insegnante dal loro account. Hanno anche aggiunto un disclaimer: «Ragazzi, non ci comportiamo più come i nostri insegnanti, questo è il passato!!»