I punti salienti della battaglia per procura della Disney con Nelson Peltz

È finita. La Disney ha respinto l’investitore attivista Nelson Peltz per la seconda volta in due anni, poiché i suoi azionisti hanno rifiutato il suo tentativo di ottenere due seggi nel consiglio di amministrazione.

La House of Mouse ha rivendicato un margine di vittoria “sostanziale”, dopo una gara aspramente combattuta con Peltz e il suo principale sostenitore, l’ex presidente della Marvel Ike Perlmutter. Sulla base dei risultati preliminari dell’incontro annuale degli investitori di mercoledì, i candidati al consiglio di amministrazione della Disney hanno ottenuto il sostegno del 75% dei singoli azionisti, una base di investitori enorme.

Ma come ogni buon racconto Disney, la battaglia del consiglio di amministrazione ha fornito una serie di lezioni per il futuro, sia per le aziende che per gli attivisti.

Una difesa solida è importante. Secondo il Wall Street Journal, i dirigenti, guidati dall’amministratore delegato della Disney Bob Iger, lo scorso autunno hanno delineato una serie di iniziative coraggiose, in parte per smorzare le richieste di cambiamento di Peltz. Ciò includeva sforzi di riduzione dei costi, un investimento nel colosso dei videogiochi Epic Games e una riorganizzazione nella divisione cinematografica in difficoltà.

È d’aiuto il fatto che le azioni della Disney siano aumentate del 20% nell’ultimo anno, sminuendo la tesi di Peltz secondo cui la società aveva bisogno di aiuto. (Le sue più grandi vittorie sono arrivate in aziende come Procter & Gamble, dove i prezzi delle azioni languivano.) Ciò quasi certamente ha avuto molta importanza per i grandi investitori come BlackRock e Vanguard, che si sono schierati con la Disney.

Le nuove regole del voto per procura hanno cambiato le dinamiche della lotta. Per anni, agli azionisti delle società è stato chiesto di scegliere tra due liste di candidati al consiglio di amministrazione proposte dalle società o da investitori attivisti. Ma una nuova regola della SEC consente agli azionisti di votare più facilmente per un mix di candidati di entrambe le parti.

Le parti coinvolte in questa battaglia hanno detto a DealBook che, poiché ciascuna parte stava combattendo contro individui specifici, invece che contro un’intera lista, gli attacchi sono diventati più personali. (Detto questo, non c’è amore perduto tra Perlmutter e Iger.) Il nuovo sistema ha anche consentito a un altro investitore attivista nelle azioni Disney, Blackwells Capital, di fare una campagna contro Peltz, dividendo l’opposizione.

La pianificazione della successione del CEO è importante. Una delle più grandi critiche di Peltz a Iger è stata la sua incapacità, durata anni, di identificare e preparare adeguatamente il suo sostituto, come ha dimostrato il mandato interrotto di Bob Chapek. La questione è stata citata dalla società di consulenza Institutional Shareholder Services, che ha raccomandato di votare per Peltz. E State Street, uno dei tre maggiori azionisti della Disney, ha votato contro la rielezione di Mark Parker, che guida il comitato di pianificazione della successione della società.

Analisti e osservatori del settore si aspettano che la Disney raddoppi gli sforzi per affrontare la successione prima del 2026, quando scadrà l’attuale contratto di Iger (e, secondo lui, definitivo). Candidati interni alla Disney come il capo della TV Dana Walden, il leader dei parchi a tema Josh D’Amaro e il capo di ESPN Jimmy Pitaro hanno assunto incarichi più importanti negli ultimi mesi.

Janet Yellen difende la protezione delle industrie statunitensi dalla Cina. Il segretario al Tesoro ha suggerito durante la notte che l’amministrazione Biden difenderebbe i settori emergenti come l’energia pulita dalla sovraccapacità cinese, un argomento che dovrebbe affrontare con le sue controparti a Pechino. Ciò fa seguito al discorso del presidente Biden sulle pratiche commerciali sleali con il leader cinese Xi Jinping all’inizio di questa settimana.

La Paramount respinge un’offerta da 26 miliardi di dollari da parte dell’Apollo. L’approccio dello scorso fine settimana per l’intera società di media – che rappresenta un’espansione dell’offerta di 11 miliardi di dollari di Apollo solo per lo studio cinematografico della Paramount – è stato ignorato, riporta il Times. I dirigenti della Paramount erano concentrati sull’avanzamento dei negoziati con un’altra offerta, da parte di Skydance, e preferivano l’uccello in mano.

Secondo quanto riferito, Google valuta la possibilità di addebitare le funzionalità di ricerca basate sull’intelligenza artificiale. Secondo il Financial Times, il colosso della tecnologia sta valutando la possibilità di rendere disponibili solo agli abbonati dei suoi servizi premium le funzionalità avanzate che attingono al suo modello di intelligenza artificiale Gemini. Sarebbe la prima volta che Google addebita qualcosa relativo alla sua attività principale di ricerca.

Si dice che Apple esplori i robot domestici come il suo prossimo grande prodotto. Il produttore di iPhone sta studiando il potenziale dei robot personali e di un display robotico come futuri produttori di denaro, anche se il lavoro è ancora in fase iniziale e potrebbe non diventare prodotti a tutti gli effetti, riferisce Bloomberg. Apple è alla ricerca di prodotti di successo, dopo aver abbandonato il progetto del veicolo elettrico e aver aspettato forse anni prima che il suo Vision Pro diventasse mainstream.

Giovedì gli investitori credono ancora in gran parte che la Fed inizierà a tagliare i tassi di interesse a giugno.

È una scommessa che gli stessi funzionari della banca centrale non faranno: Jay Powell, il presidente della Fed, ha ribadito mercoledì che è in attesa di ulteriori prove del rallentamento dell’inflazione prima di iniziare a ridurre i costi di finanziamento.

Nei prossimi giorni arriveranno due importanti rapporti, a cominciare da quello di domani sui libri paga non agricoli. Ecco cosa guardare.

Gli economisti si aspettano che il mese scorso i datori di lavoro abbiano aggiunto almeno 200.000 posti di lavoro, secondo un sondaggio di Bloomberg. Si tratterebbe di un notevole calo rispetto ai 275.000 posti di lavoro creati a febbraio, ma indicherebbe comunque un mercato del lavoro robusto. “La nostra economia è stata a corto di manodopera, e probabilmente lo è ancora”, ha detto Powell mercoledì.

La sua tesi è stata sottolineata dai dati dell’agenzia di elaborazione buste paga ADP che hanno mostrato un’impennata delle assunzioni, soprattutto nei settori dell’edilizia, del tempo libero e dell’ospitalità. A seguito del rapporto ADP, gli economisti di Goldman Sachs hanno alzato le loro previsioni per il numero di occupati non agricoli di domani a 240.000, da 215.000.

Guarda l’immigrazione. Sebbene sia una questione politica scottante, è anche al centro dell’attenzione degli economisti. I lavoratori nati all’estero sono diventati una parte sorprendente della storia della crescita dell’occupazione (e potrebbero spiegare perché il tasso di disoccupazione è diminuito su nonostante i solidi dati sulle assunzioni).

Anche la forte immigrazione è stata un fattore importante nella ripresa economica dell’America dalla pandemia di coronavirus.

La crescita dei salari sarà di particolare interesse. Ci sono segnali che gli aumenti salariali dei lavoratori hanno iniziato a diminuire durante lo scorso anno, con il rallentamento dell’inflazione. Wall Street è in allerta per eventuali segnali di aumento dei salari, che potrebbero costringere la Fed a ricalibrare la tempistica del taglio dei tassi.

Ecco lo scenario peggiore per gli investitori secondo gli economisti della Bank of America: “Una crescita dell’occupazione di oltre 250.000, una crescita dei salari più forte del previsto e un calo del tasso di disoccupazione probabilmente pregiudicherebbero ulteriormente la possibilità di un taglio a giugno”, hanno scritto in una nota di ricerca di questa settimana. .


La società di social media di Donald Trump ha perso oltre il 30% nell’ultima settimana a causa di scambi altamente volatili. Nonostante questo svenimento, gli investitori che vendono allo scoperto il Trump Media & Technology Group stanno perdendo molto.

L’inasprimento del commercio è complicato dal fatto che i principali gestori patrimoniali si sono in gran parte tenuti lontani dalle azioni, lasciando gli “shorts” a lesinare per un gruppo relativamente piccolo di azioni da acquisire e pagare a caro prezzo.

Trump Media è uno di i titoli più “corti”. negli Stati Uniti – e uno dei più costosi, secondo S3 Partners, una società di dati finanziari. Il mese scorso, i trader hanno accumulato perdite per 126 milioni di dollari scommettendo contro Trump Media, ha affermato la società. (I venditori allo scoperto essenzialmente prendono in prestito azioni di una società target e le vendono, sperando di riacquistarle a un prezzo inferiore che garantisca un profitto.)

C’è una logica per cui gli investitori dovrebbero vendere allo scoperto le azioni: Trump Media ha riferito questa settimana che l’anno scorso aveva perso 58 milioni di dollari su vendite di circa 4 milioni di dollari, e che un revisore indipendente aveva espresso «dubbi sostanziali» sulla sua sostenibilità finanziaria prima che iniziasse le negoziazioni lo scorso anno. settimana.

Molti dei corti scommettono su un’impennata dei warrant Trump Media, che darebbe ai titolari il diritto a nuove azioni della società a un prezzo fisso. La scommessa: le autorità di regolamentazione dovrebbero dare alla società il via libera per emettere le nuove azioni.

Gli investitori non sembrano scoraggiati da tale incertezza. «Ci sono ancora così tante persone che cercano di abbreviare il nome», ha detto al Times Ihor Dusaniwsky, amministratore delegato di S3 Partners.

  • Altrove nelle notizie di Trump Media: due fratelli accusati di aver ideato un piano di insider trading da 23 milioni di dollari che ha coinvolto la società nei giorni precedenti all’IPO si sono dichiarati colpevoli delle accuse mercoledì. Ognuno di loro rischia pene detentive fino a 20 anni.


Di tutti i dibattiti nei circoli dell’intelligenza artificiale, uno dei più grandi riguarda l’accesso: le aziende dovrebbero rendere la propria tecnologia disponibile affinché chiunque possa visualizzarla, modificarla e utilizzarla (un approccio noto come open source)?

La Casa Bianca, nell’ambito dei suoi sforzi per creare nuove regole per governare l’intelligenza artificiale, si sta inserendo nel dibattito. Mercoledì ha pubblicato più di 300 commenti raccolti sui rischi dell’IA open source. Il feedback si riduce a due categorie principali:

  • IA open source è più giusto e più sicuro. Meta, uno dei maggiori sostenitori di questo approccio, ha scritto che “porta a prodotti migliori e più sicuri, a un’innovazione più rapida e a un mercato più ampio”. L’incubatore di start-up Y Combinator ha affermato che tali modelli “potrebbero avere un maggiore potenziale di uso improprio, ma consentono anche un contributo e una supervisione democratica”. E Andreessen Horowitz, la società di venture capital della Silicon Valley che ha investito in decine di start-up di intelligenza artificiale, si è espressa contro qualsiasi politica che possa inibire lo sviluppo di modelli di intelligenza artificiale aperti. La sua logica è che il software open source è diventato il “fondamento di Internet”.

  • È meglio essere prudenti. Alcuni dei più grandi nomi dell’intelligenza artificiale commerciale – che hanno tutto da guadagnare dal mantenere la propria tecnologia proprietaria – affermano che avere un controllo più stretto dei sistemi avanzati protegge da ciò che OpenAI ha definito “le operazioni di un certo numero di attori di minacce informatiche a livello nazionale”. Google ha scritto che la fonte «aperta» e «chiusa» si collocano su uno spettro e che è meglio parlare di «diversi gradi di accesso a diversi componenti di un dato sistema».

Offerte

  • Il Tottenham Hotspur, la squadra di calcio inglese, afferma di essere in trattative con potenziali investitori per vendere una quota mentre le valutazioni delle squadre salgono alle stelle. (FT)

  • Patrick Whitesell, co-fondatore del conglomerato di intrattenimento Endeavour, sta creando una nuova società di media con il sostegno di 250 milioni di dollari da parte della società di investimento Silver Lake. (Giornalista di Hollywood)

  • La rock band Kiss venderà il suo catalogo di canzoni e i diritti sulla sua immagine e nome a Pophouse, la società di intrattenimento dietro il concept del concerto avatar degli ABBA, secondo quanto riferito per 300 milioni di dollari. (Bloomberg)

Politica

Meglio del resto

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.